5 tenute, nel profondo del wine west

Nell’area più vocata dell’Isola selezioniamo le uve migliori, che danno vita a vini di grande carattere, fascino e aromaticità.

Salinaro, Kelbi, Gazzerotta, Rinazzo e Rakalìa sono i luoghi dove, da passione, dedizione e ricerca, nascono i vini da Tenuta Pellegrino

Una scelta d’amore verso la propria terra ha portato la famiglia Pellegrino a concentrare, di generazione in generazione, i propri vitigni nei territori della Sicilia occidentale.

150 ettari di terre, con terroir completamente differenti – dalla paleospiaggia sabbiosa alla matrice argillosa –  chiamati ad esprimere il meglio di alcuni vitigni, che lì hanno trovato il loro habitat naturale.

INFORGRAFICA

9 vitigni

5 Tenute,

150 ettari,

8 etichette

1 territorio straordinario, la Sicilia Occidentale.

SALINARO

Sospesa tra cielo e mare, la tenuta Salinaro è il luogo dove la delicata brezza marina incontra e allevia la calda corrente africana. Il suo terreno sabbioso e la vicinanza al mare si mostrano il connubio perfetto dove coltivare le uve grillo, esaltandone al meglio le note agrumate e aromatiche.

Qui nasce Il Salinaro, grillo doc sicilia in purezza.

KELBI

Elegante e rigogliosa come un giardino arabo, la Tenuta Kelbi è un omaggio della grande dinastia che ha contribuito allo sviluppo dei territori siciliani. Il generoso equilibrio tra terra, vento e acqua fa di questi luoghi la casa ideale per il Cru di catarratto Pellegrino, dal gusto fresco ma, al tempo stesso, intenso e tenace.

Qui nasce Kelbi catarratto in purezza terre siciliane igt.

GAZZEROTTA

Conosciuta come “la grande pianura” in virtù della sua vasta estensione, la tenuta Gazzerotta è un luogo di pace e armonia in cui cresce forte e florido il nero d’avola, vitigno a bacca rossa. Ma i grandi territori di Gazzerotta accolgono anche due antichi vigneti di grillo impiantati nell’ultimo ventennio del secolo scorso, una piccola parcella dedicata all’unico Malbec siciliano e al nostro frappato.

Qui nascono Gazzerotta Nero D’avola e i nostri single vineyard Senarià Grillo Superiore, Tanaurpi Malbec, Junco frappato.

RINAZZO

La natura, nella sua manifestazione più intensa e dirompente, è ciò che meglio contraddistingue la tenuta Rinazzo, vigneto interamente coltivato a syrah, dove si intreccia sacro e profano: la terra dell’antico feudo, infatti, fu donata nel 1131 da Ruggero II il normanno all’ordine religioso dei Basiliani e successivamente ai Gesuiti. In grado di adattarsi ad un ambiente ostile e a un terreno sabbioso e arido, il syrah esprime così le sue note strutturate e speziate.

Qui nasce Rinazzo, syrah in purezza terre siciliane igt.

Rakalìa

L’itinerario tra le tenute Pellegrino si conclude tra le sinuose colline che ammirano le Egadi. I vigneti di Rakalìa sono caratterizzati da un terreno pianeggiante e rossastro con presenza di carbonati, la posizione pianeggiante assicura una gradevole ventilazione. La tenuta Rakalìa è pura celebrazione del paesaggio siciliano.

Qui nasce Rakalia, la malvasia dal profumo intenso e complesso, particolarmente floreale.